Ma se fosse il messaggio a “cambiare” in base al viso dell’osservatore – consumatore?